In questi giorni rifletto molto sugli eventi che si stanno verificando nel mondo. E mi accorgo che davvero stiamo attraversando un momento storico importante.

 Fine del mondo? Terza guerra mondiale? Non lo so. Sono semplicemente una mamma, che scrive in modo semplice i suoi pensieri e le sue paure. Non capisco un tubo di strategie politiche!

Andavo alle superiori quando “conobbi” Gheddafi ed è stata antipatia fin da subito. Da allora si è parlato spesso di lui , dei figli e dei suoi rapporti con l’Italia, e mi son sempre chiesta da ignorante, “ma se quello è un tiranno cattivo come mai oggi cammina per le “nostre” strade come un leader“?

Non nego che l’ansia mi attanaglia il cuore.  Ho paura per i miei figli. Il pensiero di non poterli proteggere da queste cose orribili mi paralizza. Purtroppo non basta spegnere le Tv e le radio per evitare certe notizie. Loro sanno leggere i nostri volti. Sanno leggere i nostri pensieri. E poi c’è internet! Bisognerebbe chiuderli in casa ed evitare tutti i contatti con l’esterno. E così sì, che la vita sarebbe “perfetta” ma ovattata e utopica.

 Dovremmo essere dei genitori “veri”. Onesti e sinceri. Raccontare con parole giuste la guerra, il terremoto, il nucleare, ma soprattutto spiegare che a muovere certe “macchine” mostruose ci sono gli interessi economici.

 Gli interessi economici sono tanto importanti, da legittimare chi uccide altri esseri umani?

Questa è la domanda che mi spaventa di più! I nostri valori, quelli per i quali ci svegliamo la mattina e che cerchiamo di affermare: pace, fratellanza, umiltà, dialogo, dove vanno a finire?

Leggo libri, approfondisco dei temi, cerco di essere un genitore attivo e presente; l’obiettivo è di crescere degli uomini migliori, per una società futura migliore. Come me tanti altri genitori che sono in difficoltà perché non sanno come e se rispondere con sincerità alle domande dei loro piccoli.

Oggi non ti chiedono più cos’è la guerra. La conoscono dai videogiochi della Nintendo, della Play Station. Ti chiedono il motivo per cui quegli uomini cattivi incendiano quelle case; che fine fanno i bimbi che ci abitano; perché i loro genitori non li proteggono ecc.

Va a spiegare che si tratta di uomini cattivi che per motivi “strani”decidono di usare le armi per affermare degli ideali che diversamente non si riuscirebbe. Che c’è bisogno di spaventare fino a uccidere chi non sta al proprio posto!

Perché tutto questo? Perché bisogna sporcare le loro menti con questi saperi inutili? Stavolta ho deciso di essere una mamma “bugiarda”!

 Di fingere che il mondo è bello, che la guerra sia qualcosa di primitivo … finché posso, mi tiro indietro. Decido di proteggere la loro ingenuità, di regalargli un altro po’ di spensieratezza, di utopica vita fatta di giochi, amici, mamma, papà, cartoni, gelati, mare, compiti,scuola, nonni, regali, fiori, amore, fratelli, sorelle e . . . potete continuare come più vi piace…

E.

PIESSE: cercavo delle immagini carine da inserire nel post, e guardate cos’ho trovato qui !

Annunci